Era il 23 giugno del 1802 quando il naturalista Alexander von Humboldt intuì che la tecnologia (al tempo sotto forma di piantagioni) avrebbe avuto un impatto non solo sull’economia ma anche sull’ambiente