È il ritorno della disintermediazione: anche l’uomo più potente del mondo non ha il diritto di raccontare le sue verità senza contraddittorio o un controllo dei fatti