La scienza sta dimostrando che tutte le particelle tendono a una sorta di pigrizia naturale. Forse questo spiega la resistenza dell’uomo al cambiamento e all’innovazione