Durante il lockdown si è verificato un passaggio dal gambling offline a quello in rete, spesso illegale e che necessita di norme internazionali per proteggere i consumatori