Dopo l’Australia si sposta in America lo scontro fra big tech e editori. Presentata al Congresso una proposta di legge che consente la contrattazione collettiva sulla condivisione dei profitti. Ma le piattaforme online non ci stanno: “Siamo fra i maggiori sostenitori dell’informazione”

Source

0
Inserisci un commento.x
()
x