Tornano a farsi sentire i lavoratori della multinazionale dell'elettronica che ha attivato una procedura di licenziamento collettivo per 350 dei 700 dipendenti. Fiom, Fim e Uilm: “Serve puntare sulle tecnologie legate alla new economy”. E chiedono subito un tavolo al Mise

Source

0
Inserisci un commento.x
()
x