Bt e OneWeb hanno firmato un nuovo Distribution Partner Agreement, che vedrà OneWeb fornire servizi di comunicazione satellitare in Low Earth Orbit (Leo) a tutto il gruppo Bt. L’accordo, si legge in una nota, si basa su un primo Memorandum of Understanding firmato a luglio e consente a Bt di effettuare una serie di test per verificare come le sue funzionalità terrestri attualmente in essere si possano integrare con la tecnologia satellitare Leo per soddisfare le esigenze di comunicazione dei clienti. Una volta completati questi primi test, Bt inizierà, all’inizio del prossimo anno, le prime prove direttamente con i clienti. La partnership abbraccerà una gamma crescente di soluzioni di connettività in tutto il mondo, nonché opportunità specifiche per il mercato del Regno Unito.

L’evoluzione delle soluzioni Leo

OneWeb dovrebbe fornire una copertura globale entro giugno 2022 attraverso una costellazione di 648 satelliti Leo ed è pronta ad offrire, entro la fine dell’anno, servizi dal Polo Nord al 50° parallelo, coprendo l’intero Regno Unito. La nuova partnership supporta l’ambizione di Bt di una infrastruttura di rete più ampia, definita nel luglio di quest’anno, in grado di fornire soluzioni digitali in tutto il Regno Unito entro il 2028, attraverso una combinazione di una rete estesa e “on demand“. Nella realizzazione di una rete convergente e software-defined, Bt sfrutterà e integrerà tecnologie sia terrestri che non per raggiungere l’obiettivo di una connettività senza soluzione di continuità e onnipresente.

14 Dicembre 2021 – 11:00

Telco per l’Italia: come accelerare la trasformazione. Le opportunità di PNRR e Cloud

Come accennato, il nuovo accordo di Distribution Partnership definisce le tappe per rendere disponibili ai clienti le prime soluzioni Leo entro un anno. Come passo successivo, Bt testerà le capacità nel suo laboratorio di Bristol per provare come si integrano con i servizi esistenti.

Gli attuali livelli di capacità dei satelliti OneWeb comporteranno che le prove iniziali si focalizzeranno sul fatto di poter essere una soluzione di backhaul supplementare a bassa latenza per i siti in cui è richiesta capacità aggiuntiva o una soluzione di backup in grado di fornire una migliore resilienza ai clienti aziendali. Nel caso in cui le prove dovessero portare ad un risultato positivo, Bt darà il via, all’inizio del prossimo anno, ai primi test per i clienti britannici e internazionali. Con l’aumento della capacità di OneWeb, l’elenco delle applicazioni future potrebbe ampliarsi, aprendo l’opportunità di esplorare l’uso del satellite per il backhaul in ambito IoT e per il Fixed Wireless Access nelle aree rurali.

“Lo spazio è un’emergente ed un’enorme opportunità digitale e questo è un passo importante verso lo sfruttamento del suo potenziale per i clienti di Bt in tutto il mondo”, commenta Philip Jansen, Chief Executive di Bt Group. “Testeremo la tecnologia di OneWeb nei nostri laboratori con l’obiettivo di dare il via a test sul campo dall’inizio del 2022. Erogate in sicurezza e su larga scala, le soluzioni satellitari saranno una parte importante dei nostri piani per estendere la connettività in tutto il Regno Unito e a livello globale, e per diversificare ulteriormente la…

Source

Condividi con:


0
Inserisci un commento.x
()
x