Il social di Zuckerberg, sotto accusa per le manipolazioni del 2016, annuncia le misure di protezione della campagna 2020: più verifiche sui contenuti, blocchi e rimozioni dei gruppi cospirazionisti, un grande sforzo nel caos del dopo voto