La Gsma ha definito un modello standard per le telco mobili per creare i report di sostenibilità centrati sulle tematiche Esg (ambiente, società, governance). In un white paper l’associazione dell’industria mobile fornisce dieci indicatori chiave delle prestazioni (Kpi) con cui rendere più veloce il processo di rendicondazione e più coerenti e confrontabili i risultati.

Secondo la Gsma attualmente ci sono circa 600 diversi standard di reporting Esg in uso nel settore mobile. Questa frammentazione non solo rende molto difficile misurare i progressi su scala industriale, ma rappresenta anche un costo per gli operatori, che spesso dedicano tempo e sforzi alla raccolta dei dati e alla rendicontazione dei progressi per produrre poi un report di valore limitato.

I dieci Kpi coprono le tematiche Esg considerate fondamentali per l’industria mobile e sono divisi in quattro macro-categorie: ambiente, inclusione digitale, integrità digitale e supply chain.

Le categorie chiave: anche inclusione e data protection

Nella prima macro-categoria, Ambiente, sono inclusi i Kpi su emissioni, energia e riduzione dei rifiuti. La rendicontazione rispetto ai Kpi ambientali, si legge nel white paper, aiuterà a informare il processo decisionale interno, compreso come impostare strategie di decarbonizzazione o come allocare capitale per migliorare l’efficienza energetica.

Spreco alimentare: i dati e il ruolo del Food Sustainability Index

La seconda macro-area è l’Inclusione digitale e i Kpi sono copertura di rete, affordability e competenze digitali. La segnalazione dei progressi rispetto a questi Kpi aiuterà gli operatori a dimostrare lo sforzo compiuto per raggiungere i segmenti svantaggiati e vulnerabili della popolazione.

Alla terza macro-categoria, Integrità digitale appartengono i Kpi protezione dei dati, diritti digitali e sicurezza online. Secondo la Gsma, il caso d’uso più convincente per i Kpi relativi all’integrità dei dati consisterà nel creare fiducia e riconoscimento del marchio con clienti e clienti.

La supply chain è la quarta macro-area. I Kpi della supply chain hanno due casi d’uso particolarmente interessanti: aiuteranno a informare il processo decisionale interno e, in secondo luogo, le informative aiuteranno a sostenere il riconoscimento del valore degli obiettivi Esg. L’unico Kpi in questa categoria è chiamato supply chain sostenibile.

L’Esg attrae investimenti nel mobile

La speranza del Gsma è che queste metriche migliorate a livello di settore consentiranno una maggiore trasparenza sulle prestazioni e sui progressi intorno alle tematiche Esg.

“Allineandosi attorno a parametri comuni, il settore mobile può accelerare sia il ritmo che l’impatto degli obiettivi Esg. Sempre più spesso, le prestazioni Esg sono una considerazione fondamentale per investitori, clienti e dipendenti”, ha spiegato John Giusti, chief regulatory officer della Gsma. Questo quadro armonizzato, evidenzia Giusti, permetterà alle telco mobili di creare report Esg significativi e di dimostrare il suo impatto positivo sulla società.

Le prestazioni Esg sono sempre più importanti per gli investitori: una ricerca EY che mostra che il 90% degli investitori “attribuisce maggiore importanza oggi rispetto a prima della pandemia alle prestazioni Esg delle aziende per definire la propria strategia di investimento”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Source

Condividi con:


0
Inserisci un commento.x